L'azienda rimarrà chiusa per le festività natalizie

dal 24-12-2011 fino al 08-01-2012

Auguriamo a tutti buone feste

Rigenerazione Cisterne

Di seguito procedura dettagliata delle fasi di lavaggio relative l’impianto installato c/o la nostra azienda. L’impianto è semiautomatico e comunque costantemente monitorato da un operatore competente e istruito, il quale provvede ad alcune manovre previste per il funzionamento ottimale dell’impianto.

FASI DI RIGENERAZIONE:

1° FASE : preparazione dell’imballo

Attraverso l’utilizzo di un apposito carrello elevatore, manovrato dal nostro operatore, la cisterna viene caricata e posizionata su di una rulliera soprastante una vasca di raccolta liquidi. Manualmente si esporta il tappo detto di caricamento che si trova nella parte superiore, viene aperta la valvola che si trova nella parte inferiore e tramite l’accensione di un pulsante da parte dell’operatore, la cisterna si inclina per permettere la fuoriuscita / scolatura di eventuali residui, i quali confluiscono nella vasca di raccolta liquidi.

2° FASE: prelavaggio

si procede al prelavaggio tramite l’azione manuale di un 2 interruttore. La cisterna avanza automaticamente scivolando sulla rulliera e si posiziona sopra una vasca contenente acqua e soda a 60°.
L ‘ acqua e soda viene pescata tramite una pompa che invia l’acqua in una testina rotante posizionata sopra l’apertura di caricamento e automaticamente scende all’interno della cisterna passando appunto dall’apertura .
A questo punto l’acqua e soda vengono immesse all’interno della cisterna lavandone le pareti.
Ad azione ultimata, la testina sale e si riposiziona come da principio, la cisterna si inclina e scarica i liquidi.

3 ° FASE: Lavaggio esterno

L’ operatore aziona un 3 interruttore
La cisterna avanza e si posiziona questa volta su di una vasca con solo acqua calda.
A questo punto l’acqua viene pescata e attraverso diversi getti automatici, questa confluisce sulla cisterna permettendone il lavaggio esterno.
Rev. 02 01/03/10

4° FASE : risciacquo

a questo punto l’operatore aziona un ulteriore interruttore, la cisterna avanza e si posiziona sotto un ulteriore testina rotante, la quale si inserisce all’interno dell’apertura superiore di caricamento e getta acqua calda risciacquando le pareti interne.
Ad azione ultimata, la cisterna si inclina scolano così i liquidi che confluiscono nella vasca di raccolta sottostante.

5 ° FASE : aspiratura

la cisterna avanza.
Automaticamente viene immesso un tubo da 3” all’interno della cisterna che attraverso una
pompa, provvede ad aspirare gli eventuali residui del risciacquo.

6 ° FASE : asciugatura

A questo punto viene immesso un ulteriore tubo da 3” pollici che manda aria calda a 70° al fine
di asciugarne le pareti.

7 ° FASE: controllo

La cisterna scivola giù dalla rulliera.
L’operatore controlla che l’imballo è asciutto, pulito e aspirato, totalmente anonimo, ovvero pronto per la prova di tenuta.

8 ° FASE : prova di tenuta

A questo punto, una volta ritenuto l’imballo idoneo, viene effettuata la prova di tenuta tramite l’immissione di aria compressa emessa da un apposita apparecchiatura che percepisce eventuali microfori e segnalando a mezzo di un indicatore visivo e acustico l’eventuale presenza di anomalie.
Accertata l’idoneità, l’operatore manualmente procede alla chiusura del tappo superiore e del tappo
inferiore.

La cisterna è idonea al riutilizzo.